[gmw_results]
Marocco | Italiani in Giro, Italiani all'estero, Lavoro all'estero per Italiani

Stai visitando l'archivio per Marocco.

Caterina ci racconta il suo Erasmus Mundus in Marocco

September 10, 2013 in Africa, Marocco, Storie di Italiani in Giro

Abbiamo intervistato Caterina Assenti, di Mola, cittadina vicino Bari.
Ci racconta il suo amore verso il Marocco.
“Ho studiato Lingue Orientali all’Università Ca’ Foscari di Venezia e alla fine del mio percorso di triennale son partita con il programma Mae-Crui e son rimasta quasi un anno a lavorare all’Ufficio culturale dell’Ambasciata Italiana ad Atene.
Tornata in Italia ho continuato a lavorare per un centro al Lido di Venezia, l’ EIUC (European Inter-University Centre), che in collaborazione con l’Ue e la Giz GmbH, d’estate organizzava un’accademia estiva sulla Governance e un gruppo di coordinazione per il monitoraggio delle riforme post rivoluzionarie in Maghreb.
In questo modo, per lavoro, ho avuto modo di conoscere il Marocco per la prima volta. Poi mi sono iscritta alla facoltà di Scienze Internazionali e Diplomatiche di Forlì e lo scorso settembre ho vinto il bando Erasmus Mundus, destinazione Marocco.
Dieci mesi in cui avrei dovuto sostenere degli esami, fare ricerca per la mia tesi ma soprattutto scoprire questa cultura! Aver studiato arabo classico durante la triennale mi è stato senza dubbio d’aiuto anche se è stato necessario adattarsi al dialetto, la Darija marocchina.
Sono atterrata a Fes all’una di notte lo scorso 26 ottobre.
Non era la prima volta che viaggiavo da sola ma arrivare in quella che dicono essere la città con il più alto tasso di delinquenza del Marocco mi spaventava.
I primi giorni sono stati i più difficili e i più impegnativi; avrei dovuto conoscere la città, scoprire il funzionamento dell’Università e trovare casa.
Qualche amico del posto e la disponibilità tipica dei marocchini sono stati elementi fondamentali per il primo adattamento in una città così diversa, anche dalle altre città del Marocco.
Ho trovato casa nell’antica medina di Fes, vivevo con una famiglia marocchina e con i loro cinque figli; la preghiera del mattino, la preparazione del pane, il thè alla menta, le lezioni in facoltà, i giochi con i piccoli della famiglia e far la spesa al suq, sono stati gli elementi che hanno scandito i miei primi e indimenticabili sei mesi.
E’ incredibile come la cultura e la lingua non rappresentino assolutamente un limite. Mi sembrava di essere già stata in quei posti, mi sentivo legata alle persone e ai luoghi, hanno modificato la mia visione della realtà e la relatività che mi portavo dietro, insegnandomi tanto.
 La generosità e la semplicità delle cose mi hanno stupito.
Dopo i primi sei mesi mi sono trasferita a Rabat e la vita è stata molto più simile a quella che farei a casa mia.
Quello che mi è pesato dopo questi mesi, sono state le apparenze e i limiti sociali; a volte la mancata tolleranza dei giovani e quello che ho chiamato “il Marocco di facciata”.
Ripeterei questa esperienza altre mille volte e la consiglio a chiunque, ma soprattutto a chi è molto legato alle proprie abitudini! Il Marocco merita di essere vissuto e conosciuto a fondo, come ogni posto del resto.
E adesso…credo sia giunto il momento di esplorare qualche nuova meta prima di tornarci!”

 

Cristiano Prudente


Lavorare in Marocco

September 6, 2013 in Africa, Marocco

Se vi interessa andare a lavorare in Marocco, eccovi qualche consiglio per prepararvi a vivere in quella terra piena di speranze e di sole.

È vero che in Marocco la forza lavoro è in rapida espansione , ma la disoccupazione rimane comunque molto alta. Questo può essere dovuto a una mancanza nella formazione professionale e nelle istituzione secondaria, infatti tasso di l’analfabetizzazione è uno dei più alti nel mondo arabo.

Dovete sapere che il salario minimo in Marocco è di 10.81 MAD all’ora, che equivalgono a €0.97, questo per chi lavora nei settori del commercio e dell’industria. Gli orari di lavoro normalmente sono dalle 8:15-11:30 e 14:15-16:30 dal lunedì al venerdì, per una media di 44 ore a settimana.

Ma durante tutto l’anno avrete 13 giorni feriali. In più dopo un anno di lavoro avrete diritto a 24 giorni pagati. Sicuramente se lavorate in negozi o ristoranti, ci saranno anche dei periodi in cui lavorerete di meno, questo perchè il popolo marocchino ha come tradizione di partecipareal Ramadam, periodo di digiuno.

Per quel che riguarda il contratto di lavoro dovete sapere che deve essere in forma scritta e prima di firmare è molto importante leggere e capire tutto. Se non è scritto nella vostra madre ligua dovete chiedere a qualcuno di fiducia (come un avvocato) che sappia parlare e capire quella lingua, di tradurvelo e controllarlo.

Sul contratto ci deve essere scritto il nome del datore di lavoro e quello del dipendente, la data di inizio del contratto, il lavoro da svolgere e il salario. Altre disposizioni che devono essere inserite nel contratto sono il periodo di prova, i benefici e il periodo di preavviso. Ovviamente il contratto non deve prevedere le attività immorali o illegali.

Poi qualsiasi sia la vostra nazionalità, se vivete in Marocco, il vostro salario è imponibile. Il tasso delle imposte si basa sulla vostra remunerazione, se per esempio voi guadagnate tra i 45.001 e 60.000 MAD all’anno, pagherete il 35 % delle imposte. Sono gli imprenditori che sono incaricati, dal governo, di trattenere le vostre imposte dal vostro stipendio.

Infine ci sono diversi visti, in base a ciò che volete fare. Per esempio se andate in Marocco per questioni d’affari e il soggiorno è di breve durata, dovete richiedere un visto d’affari, se invece andate in Marocco per lavorare e stare li per più tempo dovete chiedere un visto di lavoro.

Ma se desiderate restare in Marocco per il resto della vostra vita dovete richiedere il soggiorno permanente. Fate attenzione perchè in alcuni casi il visa vi arriverà entro i 4 giorni, ma potreste anche aspettare 2 mesi. Quindi iniziate a richiedere il visto qualche mese prima della partenza, per essere sicuri di riceverlo in tempo.

Sonia Odetto


Marocco: che lingua si parla?

September 3, 2013 in Africa, Marocco

 

Secondo un articolo scritto su Global Voices Online alcuni blogger e scrittori marocchini proponevano il distacco totale dalla lingua francese in Marocco, rimpiazzandola con la lingua inglese.

Ormai è 55 anni che il Marocco è indipendente dallo stato francese, però l’influenza francese si fa sentire in quasi ogni ambito della vita quotidiana. La Francia, ovviamente promuove la propria lingua in Marocco, soprattutto per i benefici economici che può trarne.

Molti però pensano che parlare francese nel settore degli affari, dell’istruzione o della ricerca è uno sbaglio strategico per il paese visto che il resto del mondo parla inglese o, sempre più diffuso, il mandarino.

Questo pensiero è confermato da degli studi fatti nel giugno del 2010 che dichiarano che ci sono stati molti più iscritti a corsi di arabo, spagnolo o cinese. In questa intervista ne’ il francese ne’ il tedesco sono stati cosiderati importanti.

Inoltre gli insegnanti di lingua sostengono che la rapida crescita economica della Cina, sta portando all’eliminazione dei corsi di francese sostituiti dai corsi di cinese e di mandarino, sia nelle scuole pubbliche che quelle private.

Apparte questo quadro generale, ciò che preoccupa alcuni blogger è l’inserimento di leggi francesi che vengono solo copiate e applicate in Marocco senza essere riviste e modificate, “proprio come se il Marocco fosse un territorio francese” commenta un blogger.
Sono sempre più numerosi i marocchini che richiedono il rilancio della lingua araba e la diffusione della lingua inglese.

Però una buona soluzione sarebbe di introdurre assieme al francese anche la lingua inglese in modo da ottenere il meglio da tutti e due le lingue.

Sonia Odetto


Volete trasferirvi in Marocco? Ecco qualche consiglio

August 14, 2013 in Africa, Marocco

Il Marocco, terra stupenda che offre la possibilità di vedere paesaggi spettacolari che non potrai vedere da nessun’altra parte.
Se non ci sei mai andato, devi sapere che a te, cittadino italiano, basta avere il passaporto con validità sei mesi, che ti permettera’, non appena arrivato in aeroporto, di ricevere il visto valido per un soggiorno di 3 mesi.
Se però decidi di partire in Marocco con un Tour Operator o in gruppo con 8 persone, ti basta avere la Carta d’identità valida per l’espatrio.
Se intendi prolungare il tuo soggiorno, oltre i tre mesi, è necessario che entro 8 giorni dal tuo arrivo vada alla polizia, che ti rilascerà l’apposito documento.
Se volete saperne di più consultate il sito sul Marocco 
Per andare in Marocco si possono avere 4 tipi di visti:
-Il visto a corta durata, che ti permette di uscire e rientrare quante volte vuoi (entrate multiple) per un massimo di 90 giorni.
-il visto a lunga durata, anche questo è un visa con entrate multiple, che permette di fare tanti soggiorni, infatti il massimo di tempo per soggiornare in Marocco è 90 giorni, ma il visto ha una validità di 1 anno.
- visto di transito che permette di transitare sul territorio marocchino, può essere concesso per uno o due transiti, che non possono superare le 72 ore.
-visto fornito alla frontiera, è un visa speciale, i Servizi di sicurezza possono concedere un visa per un corto soggiorno o di transito.

Come le leggi posso essere cambiate, prima di partire in Marocco ricordati di consultare i siti del consolato e dell’ambasciata del Marocco.

Sonia Odetto