[gmw_results]
la struttura delle case giapponesi | Italiani in Giro, Italiani all'estero, Lavoro all'estero per Italiani

Stai visitando l'archivio per la struttura delle case giapponesi.

La casa giapponese

September 16, 2013 in Asia, Giappone

 La casa giapponese, chiamata Wabi-sabi, non ha un vero significato nella lingua occidentale, ma si può tradurre con il sentimento di una ruvida semplicità e una bellezza che emerge da oggetti semplici e modesti, che conquistano un equilibrio tra quiete, misura e raffinatezza.

La casa giapponese tradizionale è costruita in modo che si adatti al clima, che cambia da regione a regione. Tradizionalmente, comunque, è costruita su un’intelatura di pali e travi di legno su cui sono poggiate le pareti esterne, fatte con pannelli scorrevoli in legno e carta di riso che permettono una buona ventilazione nella casa.

L‘interno è organizzato con grande semplicità e flessibilità grazie ai pannelli scorrevoli che permettono di trasformare lo spazio in base alle esigenze e alle ore del giorno.

Alla sera i materassi futon e le trapunte sono srotolate per preparare il letto e il mattino dopo vengono riposti in un apposito armadio, questo per lasciare lo spazio per la vita del giorno.

L’utilizzo di materiali poco resistenti è dovuto un po’ per la frequenza dei terremoti e un po’ perchè secondo l’insegnamento Buddhista ogni cosa ha una fine, niente è per sempre .Il materiale che più preferiscono è il legno, in quanto le radici di Schintoista ha inculcato un rispetto profondo per la natura. Mentre i materiali più pensati, come le pietre, sono usate per le fondamenta.

La casa è disegnata dall’interno verso l’esterno, infatti l’esterno si costruisce secondo il disegno della distribuzione interna, di certo non è costruito con forme geometriche prestabilite.

Le abitazioni hanno un’armonia con la natura, in certi casi la parte migliore della casa è oltre il giardino. I pannelli shoji possono essere spinti interamente per relazionare la casa con il giardino, mentre l’engawa, una sorta di veranda coperta da un tetto, che lega lo spazio interno e quello esterno filtrando la luce naturale  e proteggendo dalla pioggia, d’estate può essere uno spazio aggiunto del giardino, mentre in inverno amplia lo spazio interno.

Gli elementi che compongono la casa giapponese sono:

  • Irori è il cuore della casa, spesso la principale fonte di riscaldamento, usato anche per cucinare e nelle case tradizionali viene incassato nel pavimento

  • Doma è l’ingresso con il pavimento di terra dove sono lasciate le scarpe

  • Engawa che assomiglia a una veranda e i visitatori devono togliersi le scarpe sul giardino in pietra

  • Tokonoma un’alcova posta in una stanza cerimoniale per appoggiarci un rotolo dipinto, fiori o ceramiche

  • l’altare buddhista domestico

  • Tatami sono le stuoie che ricoprono i pavimenti

  • Shoji sono le porte scorrevoli

  • Sala da tè è un luogo molto piccolo ed è situato all’interno del giardino

Per semplificare la struttura della casa giapponese tradizionale, si può dire che ricercano la semplicità per eliminare tuttio ciò che non è essenziale, per rendere omaggio alle cose umili, poco appariscenti e modeste. La casa non serve per proteggersi dalla natura  bensi per accoglierla, il tutto cercando una ricerca di pace ed equilibrio.

Sonia Odetto