[gmw_results]
prospettive di lavoro in brasile | Italiani in Giro, Italiani all'estero, Lavoro all'estero per Italiani

Stai visitando l'archivio per prospettive di lavoro in brasile.

Brasile: il ministero del Lavoro garantisce il “pieno impiego” nel 2013

September 10, 2013 in Brasile, Sud America

Il ministro del Lavoro brasiliano, Nieto, ha promesso un nuovo anno in cui crescerà l’occupazione nel paese. Infatti annuncia che nonostante la crisi internazione, il tasso di disoccupazione del 5,6% nelle aree metropolitane, registrato nel 2012 è rimasto invariato, ed è un tasso più che soddisfacente. Ma con la crescita del Pil nel 2013 garantisce la creazione di nuovi posti lavoro.

Inseguito Nieto aggiunge “ se vuoi un lavoro, cercalo in Brasile. Per le sue dimensioni enormi e per il suo ritmo di crescita vertiginoso, il paese ha un forte bisogno di mano d’opera qualificata. Certo la lingua e la distanza rappresentano ancora un problema per gli italiani, ma davanti alla mancanza di prospettive, molti decidono di fare di una neccessità una virtù”.

Ecco qualche consiglio per poter lavorare tranquillamente in Brasile. Prima di tutto bisogna avere un visto di lavoro, il timbro deve essere trafilato dall’Italia ed è molto importante che, prima di partire, cerchiate su internet un’azienda che sia interessata ad assumervi, che vi proponga di avere un colloquio via e-mail e alla fine dovete dare la vostra conferma on line, su skype o altri mezzi di comunicazione. L’obbiettivo è quello di avere un precontratto di lavoro, ovvero un documento che permette di dimostrare alle autorità brasiliane che il motivo del vostro ingresso in Brasile è legato al lavoro.

La legislazione dei titoli di studio tra l’Italia e il Brasile è un procedimento complicato, ma per le aziende sarà sufficiente la vostra laurea italiana. Per quel che riguarda l’esperienza lavorativa, di norma si richiedono un minimo di 3 anni di lavoro nel rispettivo settore specializzato.

Un altro problema, potrebbe essere la lingua, perchè viene richiesto di parlare il portoghese fluente per poter lavorare. Quindi per chi non lo conoscesse deve fare un corso di lingua. Un’altra soluzione sarebbe recarvi in Brasile come turista fare un sopralluogo delle aeree e delle aziende e nel frattempo imparate la lingua. Comunque anche in Brasile vale molto di più un colloquio faccia a faccia.

Gli stipendi variano a seconda del lavoro, per esempio per un ingegnere meccanico con una buona esperienza può chiedere 3.000 euro al mese. Il problema sono i costi degli appartamenti in città, infatti una buona sistemazione in centro delle città può arrivare a costare 1.500 euro al mese, meno di mille se ci si allontana dalla città.

Se siete degli avvocati, non pensate di andare in Brasile perchè è stato ribadito il divieto di accesso per i non brasiliani, per quel che riguarda gli altri settori non dovete preoccuparvi. Adesso un settore che stà crescendo è quello turistico, con hotel , bar o ristoranti.

In questo breve articolo vi abbiamo dato qualche consiglio, ora tocca a voi ad afferrare la vostra opportunità, mentre a noi non ci resta che augurarvi buona fortuna!

 Sonia Odetto