[gmw_results]
vivere in australia | Italiani in Giro, Italiani all'estero, Lavoro all'estero per Italiani

Stai visitando l'archivio per vivere in australia.

Studiare in Australia: l’intervista a Carlo

November 8, 2013 in Australia, Oceania, Storie di Italiani in Giro

 

“Ciao sono Carlo, ho 26 anni, vengo dalla provincia di Avellino (Sturno), attualmente sto studiando e risiedo ad Urbino, dove studio Marketing e comunicazione per le aziende. Prima di questa esperienza nella terra dei canguri ho avuto un’altra esperienza all’estero con il progetto ERASMUS,grazie al quale ho vissuto per 6 mesi a Siviglia. Ora sono qui sulla Sunshine Coast da più di 3 mesi, vivendo questa esperienza ”dell’altro mondo”.”

Ecco la sua intervista

Ciao Carlo, come hai avuto questa opportunita’?

Ho colto al volo una delle borse di studio concesse dalla mia Università per quanto riguarda il progetto International  Exchange (potremmo definirlo un Erasmus a livello internazionale) e,dopo innumerevoli tribolazioni dovute al visto(una delle cose più fastidiose e costose da conseguire,soprattutto per quanto riguarda il visto per studenti) sono stato catapultato in questa terra selvaggia ma ospitale che per molti emigranti della mia zona fu “terra promessa” molti anni fa.

Di cosa ti occupi precisamente?

Ora sto studiando International business per un semestre alla Sunshine Coast University,una delle più rinomate di tutto il Queensland (basti pensare che le tasse per un solo semestre ammontano a più di 8000 dollari=circa 6500 euro). Nel frattempo da 2 mesi ho trovato un lavoretto come cameriere su un ristorante sulla costa che mi ha dato soddisfazioni non solo monetarie ma anche sociali (oltre a migliorare molto il mio inglese parlato)

Cosa ti sta affascinando di piu’ dell’Australia?

La natura è quello che più ti cambia la prospettiva in Australia. Ci sono posti totalmente inesplorati, selvaggi. I mille colori dell’oceano,delle spiagge e degli immensi parchi naturali ti tolgono il fiato… spesso anche stando in città ti puoi trovare in contatto con iguana,lucertole,canguri, pipistrelli giganti (Flying fox). Inoltre qui hanno una visione più rilassata della vita, gli Australiani vivono di spiaggia, sole e barbecue!! Infine mi sono lasciato affascinare dalle piccole e grandi diversità culturali, che ti danno una visione più completa anche di te stesso.

Si dice che l’Australia sia la terra promessa per il lavoro: cosa ne pensi a riguardo?

L’Australia sta vivendo un grosso boom economico,di conseguenza c’è maggiore possibilità per chiunque abbia voglia e capacità di trovare un lavoro. Anche se io ho trovato abbastanza facilmente un lavoretto,molti altri miei amici hanno avuto grosse difficoltà e alcuni non sono riusciti a trovarlo per niente. Qui le paghe sono molto alte rispetto all’Europa, anche se il costo della vita è superiore, quindi meglio non fare enorme affidamento sul fatto “vado in Australia e faccio i soldi”. Per i cittadini Australiani è tutto diverso il discorso (basti pensare che ricevono sovvenzioni di disoccupazione dal governo per più di 1200 dollari al mese e per ogni nuovo nato il governo paga 5000 dollari ai genitori).

Che progetti hai per il futuro?

Non sono uno che progetta a lungo termine,per ora so solo che fra pochi giorni partirò dalla Sunshine Coast (visto che il mio periodo di studi è finito) in direzione Sud,finendo la costa est e cercando di scoprire quanto più possibile questa meravigliosa terra. Quando tornerò in Italia ho intenzione di finire i miei studi entro giugno e poi chissà… Al giorno d’oggi sono talmente tante le connessioni e le opportunità che progettarle toglierebbe il tempo di godersi questo lungo viaggio che è la vita. Comunque il mio motto è “l’infinito è il limite”.

Che consiglio daresti a chi vuole fare un’esperienza in Australia?

Consigli pratici: il visto è uno sbattimento ma credimi ne vale la pena

Attento alle macchine a noleggio che la fregatura è sempre dietro l’angolo

Abituati quanto prima possibile al cambio di corsia di marcia sennò te la vedi brutta!

Se hai la possibilità giratela quanto più è possibile

La bicicletta è il miglior amico dell’uomo

Preparati a conoscere persone di nazioni che manco hai sentito nominare

Consiglio su tutti: vivila e goditela!

 

Cristiano Prudente


Australia: il Paese piu’ felice del mondo?

August 15, 2013 in Australia, Oceania

L‘Australia, per il terzo anno consecutivo, è stato dichiarato lo stato più felice al mondo dall’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (Ocse). L’Ocse per quest’ultima indagine ha messo a confronto 34 stati e l’Australia, con l’84% della popolazione che dice che ogni giorno il numero di esperienze positive superano quelle negative, è arrivata prima tra tutte le altre Nazioni. Ora voi vi starete chiedendo perche’ l’Australia è arrivata prima in classifica con le sue bellissime spiagge bianche, con l’acqua cristallina e con la sua straordinaria fauna e flora.

Ebbene, quest’anno l’Ocse ha tenuto conto solo e soltanto del reddito pro-capite, l’occupazione, le abitazioni, l’ambiente, la sicurezza, l’istruzione, la salute, il rapporto tra famiglia e lavoro, la partecipazione alla vita politica e civica, il governo e altre istituzioni. Ma persino dal punto di vista di questi elementi, l’Australia rimane un vero e proprio El Dorado che attrae un gran numero di giovani alla ricerca di un lavoro, in quanto il tasso di disoccupazione è pari al 5,5%. Questo dato ci indica che l’Australia ha fatto fronte alla crisi che ha e sta ancora paralizzando l’economia di molti paesi. Questo grazie alla sua industria mineraria, che in quest’ ultimo periodo non gode di una situazione favorevole a causa del rafforzamento del dollaro australiano. L’Ocse ha fatto il confronto tra l’Italia e l’Australia, infatti è interessante notare che: – in Australia il reddito medio di una famiglia è di 28.884 dollari all’anno, in Italia è di 24.216 – Il 73% della popolazione australiana tra i 15 e i 64 anni ha un lavoro remunerativo, in Italia è il 57% -gli australiani lavorano in media 1.693 ore all’anno, mentre un Italiano lavora 1.774 ore all’anno – le polveri sottili sono di 14 microgrammi per metro cubo, in Italia raggiungono i 21 microgrammi per metro cubo. In Australia il 94% della popolazione ritiene di avere qualcuno su cui contare, gli Italiani sono all’86% -l’affluenza alle ultime elezioni australiane sono state del 93%, le ultime elezioni in Italia si aggiravano sul 62%.

Ma state tranquilli noi abbiamo una speranza di vita che raggiunge gli 83 anni, mentre gli australiani raggiungono solo una media degli 82 anni di vita. :)

Adesso chiedo a voi dopo aver letto questi dati, qual è il paese più felice?

 

Sonia Odetto


Lavoro in Australia: come ottenere il visto

August 2, 2013 in Australia, Oceania

Per poter lavorare o studiare in Australia è necessario avere il passaporto in corso di validità e un visto. Per quest’ultimo è necessario sapere che il governo Australiano rilascia vari visti in base alle intenzioni, alle qualifiche e della prospettive di lavoro.
Uno dei visti è il Working Holiday. E’ concesso a coloro che vogliono soggiornare in Australia lavorando, ma devono far parte di determinate Nazioni. È valido per 12 mesi, ma consente di lavorare con lo stesso datore di lavoro per un massimo di 6 mesi e volendo da l’opportunità di studiare per un massimo di 4 mesi. Infatti è consigliato di studiare per i primi quattro mesi l’inglese per poi trovare più facilmente un lavoro. Durante questi 12 mesi si puo entrare e uscire dal Paese quando lo si desidera. Per ottenere questo visto viene richiesta un’età compresa tra 18 e 30 anni, avere almeno 3000 euro e non avere figli a carico. È possibile prolungare il soggiorno pagando una tassa governativa di $195 e, se si lavora in zone rurali per almeno 3 mesi, la validità del visto può essere prolungata di un’anno.

Invece per gli studenti di qualsiasi età, esiste lo Student Visa, che viene concesso solo se si è gia’ iscritti ad un corso studio full-time.
Concede l’opportunità di cercarsi un lavoro con un massimo di 20 ore a settimana durante i corsi, che permette di avere una paga sufficente per vivere. Nelle vacanze, invece, è permesso di trovare un lavoro a tempo pieno.
Per ottenere questo visto è necessario essersi già iscritti ad un corso-studio e ottenere il certificato d’iscrizione. Il tempo che viene stimato per ricevere il visto è all’incirca un giorno lavorativo, se invece lo si richiede online è pronto in mezz’ora.
Questi due visti sono i più semplici da ottenere, ma ne esistono altri che hanno un percorso un po’ più complicato, in quanto vengono richiesti per chi eventualmente vuole ottenere una residenza permanente.
Per maggiori informazioni potete visitare il sito Web del Department of Immigration and Citizenship del governo Australiano.

 

Sonia Odetto