[gmw_results]
Vivere e lavorare in Baviera: l’intervista a Simona | Italiani in Giro, Italiani all'estero, Lavoro all'estero per Italiani

Vivere e lavorare in Baviera: l’intervista a Simona

November 4, 2013 in Germania, Storie di Italiani in Giro

 

Mi chiamo Simona, ho 16 anni…per gamba (non me lo fate dire quel numero che inizia per 3!) e vivo a Freising, cittadina a circa 30 km da Monaco.

Dopo svariati tentativi all’estero ho trovato la pace dei sensi in Germania, più precisamente in Baviera, dove vivo felicemente con mio marito!

Ecco la sua intervista!!

Ciao Simona, perché hai lasciato l’Italia?

Non mi sentivo a mio agio nel posto in cui vivevo. Straniera in una città che mi aveva vista nascere. E questo senso di disagio non mi faceva star bene e mi spingeva a cercare di andar oltre, oltre quei confini che tanto mi stavano stretti.

Lo stesso sentimento era condiviso da mio marito, perciò abbiamo deciso di andarcene. Vagliato le possibilità lavorative e la qualità di vita dei vari paesi e scelto la Germania.

Da quanto tempo vivi in Germania?

Ad ottobre ho fatto il mio secondo anniversario! Sono due anni che vivo a Freising!

Di cosa ti occupi?

Sono una multitasking! Nel primo periodo ho studiato tedesco, o perlomeno ho cercato di arrivare ad un livello accettabile…sono ancora in fase di apprendimento, e penso che questa fase durerà molto a lungo!

Poi mi sono attivata per concretizzare i miei sogni: far diventare le mie passioni dei lavori! Scrivere e cucinare: i miei obiettivi! A gennaio ho aperto un blog e relativa pagina fb.

Un blog diverso dal solito, niente piagnistei, niente lamentele, niente paragoni…solo la voglia di far sorridere di me e con me della mia vita da expat, dare informazioni e abbattere pregiudizi!

Il blog è cresciuto in fretta e ho iniziato a collaborare con dei giornali italiani.

Da blog spot, a luglio, sono passata ad un dominio indipendente: http://www.einespressobitte.com e ho ampliato le tematiche inserendo varie stanze (il sito è strutturato come un casa) compresa la “Cucina”.

Ho fatto conoscere quest’altra mia passione e ad ottobre ho iniziato ad insegnare cucina italiana in tedesco e in francese.

Nel mentre lavoro per un’azienda che si occupa di marketing partecipativo. Insomma mi tengo impegnata!

Come hai avuto questa idea?

L’idea del blog mi è venuta navigando su internet. Continuavo a leggere di connazionali espatriati in costante modalità lamentosa: non mi va bene questo, non mi piace l’altro, la pasta di mamma è più buona…e così via…allora mi son detta che era il momento di far capire che lamentarsi non serve a nulla, non è costruttivo per nessuno e zavorra la vita! Sì, proprio così, le lamentele sono come dei macigni appesi alle gambe…continuare a paragonare e a lagnarsi non permette alla gente di guardare quello che di bello può offrire un’esperienza all’estero!

Da lì sono nate tutte le mie iniziative successive!

Quanto è importante la conoscenza del tedesco nel tuo lavoro?

È importantissimo! Anche quando lavoro in altre lingue mi devo comunque interfacciare in tedesco! Conoscere la lingua del posto in cui si vive è fondamentale sia nel lavoro che nella vita di tutti i giorni!

Che consiglio daresti a chi vuole trasferirsi in Germania?

Quello che continuerò a dare fino allo sfinimento: non esiste il paese perfetto, esistono paesi che danno più opportunità rispetto ad altri…la Germania è uno di questi. Ma prima di decidere, valutate la vostra professionalità, che possibilità ci sono e quanto siete disposti ai cambiamenti…spostarsi per poi passare il tempo a criticare in maniera non costruttiva non serve a nulla…spostarsi per desiderio di migliorarsi e migliorare la propria vita…sì, quello può servire!

Cristiano Prudente


Lascia una risposta

Devi essere loggato per inviare un commento.